Oggi in classe si parlerà del ciclo che fa l’acqua nelle falde acquifere, si ascolta e si guarda la storia di un lungo viaggio fatto di nuvole, pioggia, tubi, lavandini, depuratori e mare.

In accordo con l’insegnante ho ideato graficamente le fasi del racconto affinché Linda, ma anche tutti i suoi compagni, ne fosse incuriosita e comprendesse il percorso dall’inizio alla fine. L’insegnante in classe, con parole semplici e frasi brevi, ha iniziato a raccontare, alzando e facendo vedere, una alla volta l’immagine corrispondente.

ATTIVITÀ IN CLASSE

In anticipo ho creato quattro schede da colorare che verranno distribuite una per bambino, ognuna con tre gocce d’acqua che, con immaginiparole, descrivono le diverse azioni (lavare i piatti, innaffiare, fare la doccia…) che si possono fare aprendo il rubinetto di casa.


Gioco-attività in piccolo gruppo 

• In anticipo ho preparato un cartellone disegnandoci sopra una grande goccia e su un foglio A4 un rubinetto che i bambini iniziano a colorare e ritagliare. Si riprendono le quattro schede colorate in classe, si commentano e si ritagliano le diverse gocce-azioni, si conclude scrivendo il titolo “A cosa serve l’acqua in casa“.

• Infine il tanto atteso momento trucco, mentre si canta insieme la canzone “Goccia dopo Goccia” di Franco Fasano.

Goccia dopo goccia nasce un fiume, un passo dopo l’altro si va lontano…

E se una voce sola si sente poco, insieme a tante altre diventa un coro…

Quello che conta è stare tutti insieme, per aiutare chi non ce la fa…

GOCCIA DOPO GOCCIA