Quando Linda ha circa 7/8 anni inizio a pensare e proporle qualche piccola attività concreta per aiutarla a comprendere semplici ragionamenti di calcoli

Avendo ben presente tutte le difficoltà che in questo periodo la mandano in crisi del “non riesco” (frustrazione e chiusura) devo pensare a qualcosa di accattivante ma facilitato allo stesso tempo: 

  • bisogna catturare prima la sua attenzione
  • poi, riuscire a mantenendo il giusto tempo di concentrazione, affinché riesca a portare a termine le operazioni 
  • avendo imparato così un pezzetto in più, rimanendone anche molto soddisfatta! 
  • Senza contare che buona-esperienza chiama buona-esperienza… quindi la volta dopo sarà propensa a ripetere!

Come sempre, per dare la possibilità alle sue competenze di sbocciaretutto è pensato e cucito addosso a lei.

  • Raccolgo un po’ di mattoncini di costruzioni di diversi colori, un foglio bianco che utilizzerò per scrivere le operazioni e due colori di pennarelli (il nero con cui scriverò i segni + e = e uno colorato con cui scriverò i numeri, questo perché sia ben evidente la differenza)
  • Sul tavolo metto anche la linea del 20, anche se mi sto accorgendo che più che uno strumento compensativo per lei è un elemento distrattore che la confonde e innervosisce (dagli esercizi successivi infatti non la utilizzeremo più).
  • Scrivo io “10 + … =
  • Incastro io 10 mattonelle di colori alternati. (Per lei questo è un lavoro di motricità-fine ancora incerto, visto che non stiamo lavorando sullo sviluppare la manualità, ma sul comprendere certi concetti matematici, evito di farlo fare a lei, questo perché arriverebbe immediatamente ad un livello di irritazione e frustrazione tale da metterla in crisi, non riuscendo così a raggiungere nessun obiettivo. Una cosa per volta).
  • Lei conta.
  • Io verbalizzo+ 2” e aggiungo un’altra torre formata da due pezzi, scrivendo anche sul foglio bianco in numero 2.
  • Io verbalizzerò “10 + 2 =” ? “Quanti pezzi di costruzioni abbiamo in tutto Linda?
  • Lei conterà la prima torretta e la seconda, arrivando a 12.
  • Infine impileremo le due torrette, una sull’altra, per costruire fisicamente il numero del totale!

Insegnami nel modo in cui io imparo